Sarah Buckley

E’ uscito in italiano l’atteso libro di Sarah Buckly dal Titolo: Partorire e accudire con dolcezza, Leone Verde ed..
Sarah Buckley, australiana, medico di famiglia, ricercatrice e mamma di 4 figli è fautrice del parto naturale, ma con l’occhio acuto della ricercatrice. Riesce a unire una visione globale della maternità con una ricerca accurata di risultati scientifici che la confermino. Indaga non solo sui potenziali danni della medicalizzazione a breve e lungo termine, ma analizza anche i danni conseguenti al disturbare o inibire i processi fisiologici che sono accuratamente descritti. Inoltre riporta tutte le recenti ricerche rispetto ai processi di attaccamento, allattamento e accudimento precoce. Troviamo quindi in questo libro ricerche rispetto agli effetti a breve e lungo termine sia sulla donna che sul bambino di interventi di routine come gli ultrasuoni (ecografie, cardiotocografie, sonycaid), somministrazione di ossitocina sintetica, e di interventi come epidurale, taglio cesareo e altri ancora di cui nessuno vuole parlare.
Ma troviamo anche ricerche che rilevano l’importanza della conservazione dei meccanismi fisiologici dei processi del divenire madre, dei flussi ormonali e della loro funzione protettiva.
Sarah Buckley descrive vividamente il concetto di parto indisturbato e quindi integro e ne è un ottimo avvocato e testimone. E’ un libro che aiuta i genitori, gli operatori a comprendere e a fare delle scelte. E’ fortemente informativo, ma senza retorica. Apre un dibattito, uno spazio nuovo attorno a un nuovo paradigma del parto, della maternità, un paradigma moderno, attuale, necessario e desiderato profondamente da molti. Il libro stesso è uno strumento per avvicinarsi a questo desiderio. E’ corredato da una ricca bibliografia scientifica.
Un anno fa Sarah Buckley era ospite presso la nostra Scuola a Firenze. Ha svegliato un profondo interesse per le sue argomentazioni acute e ben documentate.

Tecniche di analgesia non farmacologica

Lo sapevi che….

esistono tante tecniche di analgesia non farmacologica che riducono o tolgono il dolore del parto senza il rischio di danni collaterali?

Anche se vuoi un’epidurale, queste tecniche fisiologiche ti possono aiutare all’inizio del travaglio e dopo il parto. Ti permettono di fare l’epidurale più tardi riducendone così i vari rischi, oppure ti permettono di attraversare il travaglio con le tue forze.

Tra queste tecniche ci sono:

la TENS, una elettrostimolazione transcutanea. Esistono piccoli apparecchi che puoi comprare su internet per poco, specifici per il parto che puoi gestire tu e che accendi solo durante le doglie. Con un po’ di allenamento prima possono aiutarti;

la controirritazione che consiste nell’iniezione di acqua sterile nella zona lombare. Il breve bruciore acuto che senti attiva gli inibitori del dolore e l’effetto dura per circa due ore. Può essere ripetuto;

l’agopuntura o la digitopressione che ti aiuta a rilassarti meglio nelle pause e riduce la sensazione acuta del dolore;

l’uso della voce indirizzato che è il più potente degli analgesici naturali perché può veramente togliere il dolore;

l’acqua, ci sono i massaggi generici e specifici che può apprendere anche il tuo partner

gli oli aromatici, i fiori di Bach, i rimedi omeopatici che richiedono però una persona formata, ma possono lenire molto il dolore.

E poi ci sono tutti quelli strumenti che aprono il canale del parto e riducono le resistenze, riducendo il dolore, quali il libero movimento, il respiro, il contatto con il bambino, il tuo partner che ti sostiene affettivamente e tante altre cose ancora.